La revisione annuale

Io saltuariamente faccio le revisioni di come è stato il mio anno lavorativo e personale.

Lo ritengo un passo importante per capire cosa ho fatto, cosa ho raggiunto, cosa ho fallito, cosa devo migliorare. Il fatto che lavoro come libera professionista per me è un’assoluta necessità: altrimenti non so neanche che devo fare per mandare avanti il mio lavoro.

Vagherei da un progetto all’altro, facendomi trascinare dalla corrente e non mi porterebbe da nessuna parte.

Quindi io ogni mese il primo del mese faccio una veloce revisione di dove sto e cosa ho fatto. E scrivo un paio di paginette su quello che è successo di nota durante il mese. Non è un diario, di solito contiene cose tipo “sono cominciati i lavori al tetto” e “sono uscita dal budget” o “è stato il compleanno di nonna”.

revisione annuale | bullet journal | goals | produttivitàLa revisione annuale | goal | obiettivi | produttività | vita intenzionale

Lo faccio principalmente per avere un quadro migliore della situazione ma anche rendermi il lavoro più facile a fine anno: la revisione annuale.

Non faccio piani annuali lavorativi io (e nei prossimi giorni pubblicherò un post sull’argomento: li faccio di 3 mesi in 3 mesi) ma mi piace capire a fine anno cosa ho combinato.

In più ovviamente mi aiuta nei piani trimestrali ma oh, quello è un altro discorso.

Come faccio la mia revisione annuale (e quella mensile)

Siamo chiari: io queste cose le scrivo sull’agenda. Principalmente perché l’atto di scriverle mi porta a esaminarle meglio, ma se le volete fare dandovi risposte mentali alle seguenti domande potete fare anche così.

Budget

Primissima cosa a cui penso sono i soldi. Così me li tolgo dalle scatole: quanto ho guadagnato, quanto ho speso, se sono rimasta nel budget che mi ero prefissata.
Ma anche: Quali sono state le grosse spese. Quali sono stati soldi ben spesi. Quali sono stati soldi mal spesi.

Progetti Completati

Quello che intendo come progetti già l’ho spiegato qua nel mio post sul mio bullet journal, ma per riassumere: qualunque cosa che richieda più di un passo per essere completata. Personale o lavorativa, è uguale. Nella revisione annuale tendo a mettere solo i grossi progetti che ho completato, mentre in quella mensile tendo ad essere più esaustiva e a scrivere anche che sono riuscita a far aggiustare le valvole del termosifone.

Progetti da completare

Non credo abbia bisogno di spiegazioni: spesso non completo progetti a fine mese (o anno) e me li trascino a quello successivo!

Cosa ha funzionato? E cosa invece non ha funzionato?

Sopratutto quando faccio esperimenti vari sul lavoro o sulla mia produttività ho bisogno di capire se posso ripeterli o meno nel futuro. Se hanno senso e se hanno avuto il risultato sperato. E’ inutile continuare a fare qualcosa che non ha portato nulla di buono nella mia vita.

Quale è stato tempo ben speso quest’anno? (o mese)

E’ importante per me guardare al tempo speso nello stesso modo in cui guardo ai soldi. Credo sia la mentalità da libero professionista che viene pagato a ore, ma è importante capire per me dove devo spendere il tempo. E badate bene, la definizione di ‘ben speso’ è estremamente personale. La chiusa di telefilm che mi sono fatta con mio fratello un paio di mesi fa la considero tempo ben speso perché mi piace passare il tempo con mio fratello, mentre le 2 settimane passate a organizzare il mercatino di natale sono state troppe rispetto al rientro economico che ne ho avuto. (non che mi possa lamentare del rientro economico, ma sicuramente non è proporzionale al tempo che ci ho dedicato.)

Quali sono i miei ricordi migliori del 2016? (o del mese appena passato)

Beh, si spiega da solo.

Ho fatto qualche progresso sui progetti a lungo termine?

Non so se avete progetti a lungo termine come ‘voglio farmi una vacanza di un mese in Australia’ o ‘correre una maratona’. Io al di là di ‘vivere con la mia arte’ (che è un’ambizione che mi risucchia tutte le energie più o meno giornalmente) non ne ho quindi questa è una sezione che di solito salto. Però mi sembrava il caso di aggiungerla perché altri potrebbero usufruirne.

Cosa ho imparato di nuovo?

A livello di capacità o umano. Uno dovrebbe sempre tentare di automigliorarsi, no?

Quali sono stati gli ostacoli maggiori?

E’ importante capire se ci sono stati ostacoli che mi hanno reso tutto più difficile. Se ho trovato il modo per superarli o per aggirarli, in modo da capire e imparare per il futuro.

E questo è quanto.

Il tutto mi richiede circa un’oretta di concentrazione, a volte poco di più. Diciamo che la revisione annuale mi prende più tempo di quella mensile… ma neanche più di tanto.

Certo, poi c’è la seconda fase: che è il decidere cosa fare nel periodo successivo e sistemarmi i goal del trimestre o del mese. Ma di questo ne parlo nel prossimo post!

 

 

La libreria di risorse gratuite di QuasiOrganizzata

Informazioni sulla Privacy

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Bentornata! 🙂

    Ottimo post, come al solito! E mi consola vedere che non sono la sola a non avere progetti a lungo termine! XD

    Buone feste!