10 modi + 1 per smettere di procrastinare

Guarda che lo so. Ti vedo.

Se stai qua a leggere questo post significa che stai procrastinando su qualcosa. Stai perdendo tempo mentre chiaramente dovresti fare altro.

Lo so perché anche io quando voglio procrastinare leggo post su blog su come evitare di procrastinare.

(e lo ammetto, molta parte di questo blog è probabilmente una scusa per procrastinare. È un paradosso!)

E’ un po’ che volevo fare questo post, ma mi sono sempre bloccata per il semplice motivo che non credo che esistano metodi assoluti che ti riescono a far smettere di procrastinare.

Ogni metodo funziona. Ma fino a un certo punto.

Ti può funzionare la prima volta, la seconda, poi puff. Scompare la magia. La completa mancanza di forza di volontà ha la meglio e torni a perdere tempo mentre in realtà dovresti fare altro.

L’unico vero metodo che ho trovato che funziona per me (e che a rigor di logica dovrebbe funzionare anche per altre persone) è il provare a mischiare i metodi e variare spesso.

Provare un’idea nuova che non hai mai provato. E probabilmente funzionerà, appunto perché è nuova.

Per questo ho deciso di proporne più di uno.

10 modi per smettere di procrastinare + 1 #produttività #bulletjournalitalia #bulletjournalitaliano

10 trucchi per smettere di procrastinare

  • Usa la tecnica del pomodoro (la mia preferita quando non ho proprio voglia di far nulla e ho bisogno di qualcosa di esterno che mi obblighi a mettermi davanti al computer)
  • Cambia il tuo luogo di lavoro: mettiti in un’altra stanza o cambia aria in qualche modo. (Mi rendo conto che non è una cosa fattibile per tutti.)
  • Prendi la cosa che devi fare e dividila in sotto-azioni. Questo tende a cambiare la tua prospettiva verso quella cosa da fare. Magari il primo passo è superveloce e puoi già fare una parte dell’azione. Ne ho parlato un po’ più a fondo in questo post, in particolare modo nella parte delle ‘prossime azioni’
  • Sempre nell’ottica di cambiare prospettiva verso la tua lista di cose da fare, prova il quadrante Eisenhower
  • Usa il metodo mangia quella rana!. Ti dà la carica di prima mattina!
  • Guarda la tua lista e decidi di fare UNA singola cosa. Ora. Non di più. Non aspettarti di fare altro dopo di questo. Comincia solo una singola azione. Poi non è detto che non finirai per andare avanti. E se non vai avanti, almeno una cosa l’avrai fatta.
  • Smetti di essere perfezionista e datti l’autorizzazione a fare qualcosa a c*zzo di cane (Renè Ferretti maestro di vita). Purtroppo il perfezionismo è compagno stretto della procrastinazione.

  • Immagina come ti sentirai una volta finito! No seriamente. Siediti un attimo. Chiudi gli occhi e respira. E immagina le sensazioni di quando avrai appena finito. Più libera probabilmente. Considera che quella sensazione di libertà e completezza puoi arrivarci in breve tempo. Sembra il consiglio più scemo di tutti, ma vi giuro che funziona. Mi funziona sopratutto quando non ho voglia di lavare casa. ‘ugh non voglio. Ok si ma pensa che bella casa appena pulita. Ugh si. bella. ok. Ci metto non più di una mezz’oretta. Ok facciamolo’.
  • Metti su un sistema di ricompense e di incentivi. “Se finisci questa cosa di puoi permettere questo regalo.”, puoi anche dedicare una pagina del tuo bullet journal alle micro-ricompense che ti puoi dare per aver svolto una cosa veramente antipatica.
  • Usa la regola dei due minuti: se ci metti meno di 2 minuti fallo e basta. E’ uno dei trucchi spiegati nel metodo GTD. E onestamente mi salva la vita più di una volta. Ci sono tante cose che non ti richiedono più di 2 minuti per completarle eppure le rimandiamo per tutto il giorno (come quelle tazze che stanno nel lavandino al momento e che dovrei lavare…. ehm.)

E un metodo da considerare

Non oso metterlo nella lista di sopra questo ma…

Fatti questa domanda: ma la devi fare sul serio questa cosa?

Analizzala. Sta là nella tua lista da mesi e mai ti ci sei messa a farla? Ha senso tenerla? Porterebbe tanto valore nella tua vita se finalmente la portassi a termine? Rispecchia i tuoi goal?
Chiediti se non vale invece la pena cancellarla e non farla più.

Forse è il caso di declutterare la cosa dalla tua lista delle cose da fare e semplicemente non farla.

Ecco

Ora smetti di perdere tempo leggendo blog in giro per internet e vai a fare quella cosa su cui stavi procrastinando!!

10 modi per smettere di procrastinare + 1 #produttività #bulletjournalitalia #bulletjournalitaliano

La libreria di risorse gratuite di QuasiOrganizzata

Informazioni sulla Privacy

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Grazie!!
    mi è piaciuto davvero tanto questo post!!! 😀
    proverò a mettere in pratica i metodi!
    un abbraccio e buona estate!

  • Sei fantastica!
    Grazie per il tempo che dedichi, a chi come me ha bisogno di essere spronata e incentivata.. ispirata… Mi perdo sempre a causa del punto 7.. anche ora non avrei scritto perché ho poco tempo e non volevo scriverti”male”
    Grazie mille!
    Rossana

    • Ah Rossana, non ti fare di questi problemi con me! Insomma, anche io scrivo sempre di fretta e faccio una marea di errori. Questi post anche io li pubblico decisamente prima che siano pronti e con una lunga serie di errori, ma se non lo facessi questo blog sarebbe vuoto. O probabilmente non esisterebbe. Quindi…!

      Renè Ferretti ha ragione. Alcune cose vanno tirate via. altrimenti non si arriva più alla fine e non si conclude un tubo. Non tutto nella vita si può fare a regola d’arte e bisogna compiere delle scelte su come spendere il tempo a tua disposizione.